expand_less

  

  

Scopri il mondo
delle montagne dell'Alto Adige

D'estate i gerani e d'inverno le castagne

È ovvio, le Alpi hanno più o meno sempre lo stesso aspetto per gli occhi inesperti. Ma non è così! Le varie zone sono completamente diverse per paesaggio e vegetazione, e naturalmente le Dolomiti sono assolutamente uniche. In nessun altro luogo è possibile imparare a conoscere le montagne altoatesine in modo così autentico e naturale come durante le tue vacanze in agriturismo!

Qui trovi alcuni highlight assolutamente da non perdere…

scopri di più

Il lato più soleggiato delle Alpi

Geranio - “Brennende Liab”

Geranio - “Brennende Liab”

Semplicemente fa parte dei balconi di tutte le case e di tutti i rifugi alpini dell'Alto Adige: il geranio. Nel linguaggio comune affettuosamente chiamato “Brennende Liab”. Il fiore dal colore rosso vivo non solo decora i balconi, ma anche le finestre, i crocefissi e i cappelli dei costumi tradizionali. È facile da curare e ama le notti fresche sulle montagne altoatesine, che contribuiscono in modo significativo alla bellezza e alla crescita di questa pianta.  
Oggi il geranio non lo si trova solo rosso, il colore dell'amore, ma anche in una grande varietà di tinte, dal rosso vino al rosa, ma anche viola, arancione e bianco crema.
Haflinger

Haflinger

Sul Monzoccolo, l'altopiano tra l'Adige e il fiume Talvera, è stata creata una piccola, robusta e vivace razza equina. Gli animali sono stati utilizzati per secoli come cavalli da soma e da trasporto per l'agricoltura e la silvicoltura. Quando Merano divenne una città termale nel XIX secolo, i turisti notarono gli energici cavallini sulla terrazza soleggiata di Avelengo e Verano sopra la città e li chiamarono "Haflinger” (Aveglinesi). Questo è diventato anche il nome ufficiale dal 1898. Oggi la razza equina è allevata attivamente.
Le erbe dell'Alto Adige

Le erbe dell'Alto Adige

Gli abitanti delle montagne dell'Alto Adige hanno sempre raccolto erbe da prati alpini e radure. In seguito sono state coltivate nei giardini dei monasteri, oggi crescono in molti giardini e intorno alle case coloniche. Grazie al clima mite, le erbe e le piante aromatiche sviluppano un aroma particolarmente intenso. Le zone di coltivazione si trovano a più di 500 metri sul livello del mare e sono lontane dalle città e dalle strade trafficate. Crespino, santoreggia di montagna, trigonella, bergamotto, menta, piantaggine, achillea ecc. ecc. ecc, sono utilizzati non solo per cucinare e condire, ma anche per tè e tisane, impacchi curativi, per affumicare o per fare il bagno.
Larice, pino mugo e pino cembro

Larice, pino mugo e pino cembro

Quasi un marchio di fabbrica in Alto Adige e indispensabili in casa. I tre alberi della regione alpina: Larice, pino mugo e pino cembro o "Zirbel" come lo chiamano gli altoatesini. L'effetto benefico del legno qui è noto da secoli ed è ormai scientificamente provato: il legno di pino cembro e di larice è molto pregiato e viene utilizzato principalmente per la decorazione di interni e rivestimenti, la resina è un popolare rimedio naturale per il raffreddore e i disturbi del sonno. Il legno di pino mugo non è adatto per l'edilizia, ma l'olio di pino mugo viene utilizzato, ad esempio, per reumatismi, dolori muscolari o disturbi circolatori. Con un po' di coraggio, scopri gli effetti da solo!
Le malghe dell'Alto Adige

Le malghe dell'Alto Adige

In giro per la montagne e hai già mangiato tutto lo spuntino? Niente panico! In Alto Adige ti aspettano più di 200 rifugi, punti di ristoro e osterie contadine con tutti i tipi di prelibatezze fresche fatte in casa e piatti tipici dell'Alto Adige! Qui potrai recuperare le energie durante le tue escursioni e lasciare che lo sguardo vaghi su prati di montagna, boschi e rocce. Le malghe dell'Alto Adige si trovano ad un'altitudine compresa tra i 300 e i 2.000 m s.l.m. e i rifugi vanno da quelli rustici, come la casetta Schusterhüttl in Val d'Ultimo, a quelli molto moderni come il Rifugio Passo Ponte di Ghiaccio sui Monti di Fundres.
Parchi naturali in Alto Adige

Parchi naturali in Alto Adige

In Alto Adige sono identificati 7 parchi naturali e un parco nazionale di eccezionale bellezza. Il paesaggio vario, talvolta affascinante, talvolta aspro, talvolta romantico, invita ad esplorare e scoprire, secondo il motto: Natur er-leben, Natur be-greifen, Natur er-halten (Vivere, comprendere e conservare la natura) Il Parco Naturale Vedrette di Ries-Aurina si trova nella parte più settentrionale. I parchi Tre Cime di Lavaredo, Fanes-Senes-Braies, Puez-Odle e Sciliar-Catinaccio costituiscono il cuore delle Dolomiti. Monte Corno si trova al confine con il Trentino. Il Gruppo di Tessa e il Parco Nazionale dello Stelvio delimitano il paese a ovest.
Laghi in Alto Adige

Laghi in Alto Adige

Dove ci sono una montagna e una valle, c'è anche un lago. E un panorama che si riflette nell'acqua cristallina. Lago di Braies, Lago di Dobbiaco, Lago di Resia e Lago di Carezza sono diventati nel frattempo famosi in tutto il mondo, ma non meno degni di essere visti! Ma ci sono ancora alcune ‘chicche' da scoprire: ad esempio il lago di Fontana Bianca vicino a Santa Geltrude nella Val d'Ultimo, il Lago di Favogna a Magrè, il lago artificiale di Neves a Lappago nelle Valli di Tures e Aurina. Il paesaggio lacustre altoatesino può essere esplorato su comodi sentieri escursionistici o con impegnative vie ferrate.
Montagne in Alto Adige

Montagne in Alto Adige

È ufficiale dal 2009. Il paesaggio delle montagne altoatesine è così speciale che sono state inserite nell'elenco del Patrimonio Naturale dell'Umanità UNESCO. La formazione geologica e geomorfologica e la loro importanza sono uniche al mondo. L'area si estende per oltre 142.000 ettari nelle province di Bolzano-Alto Adige, Trento, Belluno, Pordenone e Udine. In Alto Adige ne fanno parte i parchi naturali Tre Cime, Fanes-Senes-Braies, Puez-Odle, Sciliar-Catinaccio, il massiccio montuoso del Latemar e il monumento naturale della Gola del Bletterbach.
La montagna più alta del paese è l'Ortles con i suoi 3.905 m s.l.m., un must per ogni alpinista ambizioso.
La fauna dell'Alto Adige

La fauna dell'Alto Adige

Caprioli, camosci, cervi, stambecchi, marmotte, scoiattoli, galli cedroni e fagiani di monte. Anche le specie di animali locali caratterizzano il paesaggio dell'Alto Adige. Vivono in gran numero in parchi naturali e biotopi. Particolarmente famosa è inoltre l'aquila reale, quasi estinta in Europa e la cui diffusione viene ora nuovamente promossa, soprattutto nel Parco Nazionale dello Stelvio. Il 41% delle specie autoctone sono considerate a rischio di estinzione. Con il tuo comportamento in montagna puoi contribuire attivamente ad evitare che questo numero diminuisca ulteriormente: non uscire dai sentieri segnalati, porta con te i tuoi rifiuti e non gettarli nel bosco, cerca di fare meno rumore possibile! Montagna sana e felicità in vetta!

Vacanza in maso
con un paio di fantastici extra …


Ancora di più Alto Adige